La tecnica fukamushi

La tecnica fukamushi

Stabilizzazione del tè

Tutti i tè verdi, vengono sottoposti alla “stabilizzazione” per evitarne l’ossidazione.

La stabilizzazione nella tradizione cinese avviene con calore utilizzando dei wok, nella tradizione giapponese avviene con vapore.

La tecnica fukamushi

La “stabilizzazione”” (cottura) a vapore, avviene per un tempo più lungo rispetto a quello che è considerata una stabilizzazione normale.

Futsuumushicha 

Normalmente, il processo di cottura a vapore dura da circa 30 secondi a 1 minuto, e il tè risultante è chiamato futsuumushicha

( tè al vapore normale).

Fukamushicha

Il processo di stabilizzazione dura per più di 1 o 2 minuti e il tè risultante è chiamato fukamushicha.

Su quali tè si utilizza la tecnica fukamushi 

La tecnica fukamushi può essere utilizzata con diverse foglie di tè giapponese, sencha, gyokuro e persino di bancha. Quando ciò accade,

il nome ottiene  il prefisso fukamushi, ad esempio fukamushi genmaicha (深 蒸 し 玄 米 茶).

Tuttavia, viene utilizzando maggiormente con i sencha e si ottiene il fukamushi sencha (深 蒸 し 煎茶)

Vantaggi e Svantaggi della tecnica fukamushi 

Il processo di cottura a vapore apporta una grande differenza nel sapore del tè verde.

I principali vantaggi dell’uso del processo fukamushi è che l’astringenza viene soppressa, mentre acquisisce più corpo e dolcezza.

Il tempo di “cottura” a vapore, quando è più lungo, rende le foglie molto morbide e durante il processo di laminazione le punte spesso si rompono

(i canoni estetici giapponesi impongono un lungo processo di laminazione della foglia per ottenere il caratteristico aspetto ad “ago di pino”).

Se presenti, queste piccole particelle di foglie spezzate, rendono il fukamushicha simile a un tè di qualità inferiore, ma in realtà non lo è.

L’aspetto del fukamushicha è uno svantaggio, anche se, la presenza di queste piccole particelle, ha come bonus che i benefici per la salute aumentano.

Maggiori benefici per la salute 

Proprio come con il matcha, quando si bevono le piccole particelle solide si ottengono più nutrienti presenti (come le catechine),

  oltre a quelli che non sono idrosolubili come la fibra, alcune vitamine e la clorofilla.

Come si prepara e come si presenta il liquore di un fukamushicha

Si consiglia di utilizzare un kyusu (teiera giapponese)

Normalmente il liquore ha anche un colore più scuro, con sedimenti sul fondo.

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram